share comment comment lights lights
Embed This Video close
Condividi Questo Video close
bookmark bookmark bookmark bookmark bookmark bookmark bookmark bookmark bookmark bookmark bookmark bookmark bookmark
embed test

Danni del maltempo, scintille tra Spacca e Pettinari

spacca pettinari 2

BOTTA E RISPOSTA… A DISTANZA – Non è passata inosservata la presenza di Spacca e Pettinari, all’indomani delle polemiche dovute all’emergenza maltempo e ai danni causati dalle recenti piogge (leggi l’articolo). La politica ha cercato il colpevole altrove: i sindaci ribadendo che non hanno competenze sui corsi d’acqua, esondati praticamente ovunque nel Maceratese, la Provincia attaccando la Regione per i mancati fondi da destinare al dopo emergenza. «Sulle calamità naturali rispondo con le cifre: in questa ultima settimana abbiamo messo in campo soldi reali per i Comuni, per i danni riconosciuti dal Governo del 2011 e del 2012. Si tratta di 24 milioni di euro. Dobbiamo intervenire però in modo strutturale e lo stato non ha le risorse per poterlo fare. C’è un’unica possibilità: concentrare le risorse europee sulla difesa del suolo per la regione più vulnerabile d’Italia, le Marche. Il presidente Pettinari è un emotivo, si fa prendere dalla difficoltà del momento e della situazione di emergenza, e quindi cerca di distrarre dalle proprie responsabilità.Questo problema si risolve con la coerenza e la coesione della filiera istituzionale. Per com’è la normativa italiana non c’è una responsabilità soverchiante, ma occorre che Comune, Provincia, Regione e Stato siano insieme e decidano che la difesa del suolo è una priorità. Priorità significa selezionare le scelte». Il presidente Pettinari risponde così: «Non sono d’accordo, le competenze sono ben chiare sia durante l’emergenza sia dopo, quando si tratta di rimettere a posto i fiumi, riparare i danni. Alla Regione chiedo che finalmente ci sia una legge che ci consenta di mettere in sicurezza i fiumi, che non possono essere fonte di timori e danni enormi alle strutture pubbliche e ai privati. Allo stato, visto che non ha risorse, chiediamo di farci utilizzare quelle che abbiamo e che non possiamo utilizzare a causa del Patto di stabilità».

LEGGI L’ARTICOLO

Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n.575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco - Responsabilità dei contenuti - Privacy Policy
Materiale coperto da Licenza Creative Commons
© Cronache Maceratesi 2015 | Cronache Maceratesi Video