share comment comment lights lights
Embed This Video close
Condividi Questo Video close
bookmark bookmark bookmark bookmark bookmark bookmark bookmark bookmark bookmark bookmark bookmark bookmark bookmark
embed test

Nelle Marche la Conferenza nazionale sull’immigrazione della Filctem

Un momento della conferenza

Un momento della conferenza

Cresce anche nelle Marche il numero dei lavoratori comunitari e extra comunitari, ma si tratta di persone impegnate “in lavori dequalificati, rischiosi e dove le condizioni lavorative risultano peggiorate”. E’ quanto emerge da un’indagine della Filctem Cgil, presentata ad Ancona nel corso della Conferenza nazionale sull’immigrazione. Al 31 dicembre 2012, secondo i dati Istat, erano 139 mila i cittadini stranieri residenti nelle Marche, pari al 9% del totale dei residenti: una percentuale superiore alla media italiana, che si attesta sul 7,8%.   Nel 2012, erano nati 2444 bambini da genitori stranieri (il 18,5% del totale dei bambini nati nelle Marche).   I principali paesi d’origine, secondo dati del 2010, sono Romania, Albania, Marocco, Macedonia, Cina, Ucraina, Polonia, Tunisia, Moldova, Pakistan.   Secondo i dati del ministero dell’istruzione, nell’anno scolastico 2011-2012, nelle Marche c’erano oltre 26mila alunni con cittadinanza non italiana, l’11,8% del totale degli alunni (la media italiana era pari all’8,4%).   Erano 29 le scuole a maggioranza straniera e, in particolare, 11 nella provincia di Macerata (3,5% del totale), 5 nella provincia di Ancona (1,2%), una nella provincia di Pesaro-Urbino (0,5%) e in quella di Ascoli Piceno (0,5%).Secondo Domenico Ticà, segretario generale Filctem Cgil Marche, “il 14,68% degli iscritti alla Filctem è straniero, più 4% della media nazionale; i due terzi sono occupati, mentre un terzo risulta espulso dal lavoro”.   Nonostante il calo di occupati, il settore calzaturiero occupa il 18,85% di stranieri e quello della gomma-plastica oltre il 30%.   Tra i dati emersi oggi quello relativo al Pil marchigiano: secondo il sindacato, circa il 12% deriva dal lavoro degli stranieri e, “dunque – ha spiegato Ticà – il problema dell’integrazione non è più rinviabile”.

LEGGI L’ARTICOLO

Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n.575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco - Responsabilità dei contenuti - Privacy Policy
Materiale coperto da Licenza Creative Commons
© Cronache Maceratesi 2015 | Cronache Maceratesi Video